Crea sito
 ESCAPE='HTML'

​QUESTO SITO E' DEDICATO ALLA MEMORIA DEI NOSTRI GRANDI MAESTRI PASSATI...

 

Un saluto ai gentili Lettori.

Una noterella per spiegare lo scopo di pubblicare in mezzo al vasto mare di internet un sito come questo.

Ebbene, questo sito ha il solo ed unico fine di presentare, al pubblico degli interessati alla materia, cosa sia e cosa non sia il Nostro Venerabile "Ordine Martinista Napolitano", variante ermetica della corrente nota col nome di "martinismo" (cristiana-cabalistica), ma che ha radici ben più antiche e sotto nomi diversi.

Diciamo subito che l'aggettivo "napolitano" è altamente simbolico – ma non vincolante per la sede dove di volta in volta l'Ordine si manifesta – rappresentando il collegamento ideale con alcuni Maestri Passati, custodi di vari depositi iniziatici (tra cui martinismo francese ed ermetismo egizio-napoletano), grazie ad un intenso fermento culturale ed iniziatico che ebbe luogo negli ultimi secoli scorsi in area partenopea e non solo...diciamo in generale in Italia e vari paesi europei.

In particolare l' Ordine Martinista Napolitano è sempre stata una delle varianti più riservate e meno diffuse del martinismo, e negli anni qualcuno ha più volte tentato di parlarne su diversi siti, per poi scomparire e ritirarsi in silenzio, seminando dietro di sè un alone di mistero...forse perchè la materia è di natura tale da non poter essere destinata ai fasti di un'ampia divulgazione, o forse perchè molti, piuttosto che alla genuina Conoscenza, si interessano a questioni profane sulle quali nessun iniziato vorrebbe mai sperperare quel tot di tempo che riesce a risparmiare dal vivere quotidiano, per dedicarlo con Amore e Volontà allo studio della Scienza Assoluta.

Infatti gli studiosi della materia ermetica sono anche persone normalissime, i quali vivono e si confondono, quasi come fossero degli sconosciuti, in mezzo al mondo moderno...quel mondo che tenta di portar via agli uomini e alle donne la cosa più preziosa: il tempo di vita, durante il quale poter fare certe esperienze che possono far evolvere l'essere umano e permettergli di ritornare alla condizione primitiva di ciò che realmente è.

Nessuno spera per mezzo di questo sito di palesare la propria erudizione o di divulgare la poca o tanta conoscenza che si ha in merito, poichè nelle nostre cose tutto ciò poco conta e si finirebbe per svilire il segreto iniziatico, che è incomunicabile a parole o per iscritto.

​Noi sappiamo che l'unico "maestro" autentico è quello "intimo" o "interiore", che ciascuno ha la possibilità di rinvenire dentro di sè.
Ecco perchè tutti i "grandi" del passato, al di là della funzione eventualmente assunta nell'ambito di un contesto iniziatico, hanno sempre scoraggiato l'utilizzo di qualsiasi appellativo che li qualificasse come tali, e proprio per questo forse lo sono stati, "maestri", in quanto hanno fatto sì che si risvegliasse il Nume in qualcuno che ebbe la ventura di incontrarli.
Essi si sono comportati da "incogniti", non perchè avessero qualcosa da nascondere (a parte preservare la propria persona da indiscreti e rompiscatole), ma anche perchè, assumere pubblicamente sulla propria persona titoli o cariche apparentemente altisonanti, avrebbe immediatamente indotto nella platea viziosi atteggiamenti di misticismo o religiosa venerazione verso qualcuno o qualcosa, controproducenti il processo di auto-liberazione da innescarsi per mezzo dell'Iniziazione.

​Certo, oggi molte correnti filosofiche o religiose (specialmente orientali) ci dicono che non serve cercare a destra e manca, che non occorre sforzarsi e dibattersi, perchè tutto è già dentro di sè e, appunto, il maestro interiore è già presente in ciascuno.

​Però spesso...qualcosa non torna. Terminata l'euforia che accompagna, dopo aver partecipato ad un seminario o ascoltato un discorso, enunciato da chi è in grado di accendere un fervore coinvolgente nei propri uditori, l'uomo e la donna si ritrovano nuovamente presi dalle proprie problematiche quotidiane e interiori, e senza aver "fissato" in sè alcuna trasformazione sostanziale.
​La prova dell'iniziato, infatti, si ha quando egli si ritrova solo.

​Molte volte, poi, si scambia per maestro interiore la spontaneità istintiva delle proprie passioni, che si accendono e spengono ininterrottamente, distraendo dalla vera voce del Nume e impedendo per tutta la vita di percepirla.

​Ecco, tutto ciò è quello che NON E' la nostra Via.

Noi vogliamo indicare che vi sono degli insegnamenti e delle pratiche che, messe in atto, possono (e non sempre!...in quanto non fanno altro che tirare fuori ciò che ciascuno ha già nel proprio sacco ed, eventualmente, predisporre a trasformare alcune cose di sè...«chi vuol fare dell'oro deve avere già un grano d'oro») far evolvere l'uomo e la donna fino allo stato primigenio.

I pochi che hanno mai ottenuto qualche risultato, sanno che l'unico modo è il seguente:
lavorare assiduamente nel "laboratorio" ermetico.
La grande gioia del conseguimento non si può provare, senza aver mai affrontato anche certi momenti di "fatica", "sudore" e "sacrificio" ! Perchè se non si sgrossa la pietra grezza, non si può pensare di creare l'opera dell'artista.
Indubbiamente queste parole sembrano lontane dal mondo moderno, dove tutto pare facile e veloce, tutto si pretende subito, e la pazienza di lavorare e attendere i frutti raramente viene insegnata.

​Ma se un atleta che vuole prepararsi alla maratona deve allenarsi assiduamente e, suo malgrado, affrontare e vincere momenti dove il dubbio e la fatica sembrano troppo forti per farcela, come spera chi anela alla Luce e alla Conoscenza, che basti seguire un seminario o assumere per verità quanto scritto nei libri o declamato da un "guru", per essere un risvegliato?

​Purtroppo, o per fortuna, uno dei vagli volti a separare chi entra davvero nella Camera della Gnosi, da chi si arresta...all'anticamera, è l'umana tendenza a cercare qualcosa o qualcuno in cui "credere" passivamente...meglio se questo qualcosa o qualcuno si ammanta di mistero o si presenta tramite una storia leggendaria e affascinante.

​Mentre l'iniziato, che non è un religioso, pur scegliendo volontariamente di aderire e percorrere un viatico dove, come in tutte le cose, ci sono anche delle regole, pur semplici, da seguire, deve sempre esercitare il lume della propria ragione.

Cari Lettori, nonostante le difficoltà in cui si può incorrere, è dovere di ogni uomo e di ogni donna conservare sempre accesa la Speranza e, percorrendo incessantemente la Via, prima o poi ci si identificherà con essa, scoprendo che, davvero, non era necessario tanto dibattersi, perchè tutto già E' ...e sono stati l'uomo e la donna comuni a non riconoscerlo.

​Ma tant'è!

L'unica cosa che allora possiamo fare, è provare a spiegare con parole semplici che significhino termini come "magia" o "alchimia", tutte cose ammantate di mistero, ma anche derise e svalutate dall'ignoranza degli uomini, dedicando un po' di tempo ad affiancare coloro che sono veramente interessati alla materia, così come con noi hanno fatto i nostri "vecchi", i nostri benefattori, in una lunga catena che risale fino alla notte dei tempi.

In questo spazio troverete anche qualche notizia storica, per quanto di nostra conoscenza, però la Nostra, cari Amici, non è una ricerca storiografica, bensì una ricerca dell'Io.

​A noi interessa primariamente prendere il materiale che chi è transitato sulla terra prima di noi ci ha lasciato, e verificarlo al vaglio della prova diretta, onde osservarne i risultati e propugnare con umiltà la massima crescita spirituale che per ciascun uomo e donna è possibile raggiungere.

Dunque, una buona lettura!

+ Lekabel +